lunedì 12 maggio 2008

Ancora festa

Anche oggi qui è giorno festivo, Pentecoste o seconda Pasqua. La città è deserta, i negozi chiusi, strade vuote, metro incredibilmente poco frequentata. Il tempo fa anche schifo quindi nemmeno gente che armata di infradito e costume va in spiaggia. Nulla, il vuoto. E io in ufficio. Solissima. Ovviamente tutti i colleghi sono a casa a godersi il weekend lungo. Io che ho cambiato il giorno di vacanza col 25 aprile invece sono qui. Radio Deejay in streaming come unica compagnia...
Quasi quasi non è male, fosse sempre così.

In ogni caso tanto per non farvi invidia vi comunico che il finesettimana ha fatto schifo. Pioggia a catinelle sabato, e ieri pure brutto e freddo. Siamo usciti per prendere un po' d'aria e vedere i poveri turisti confusi, in sandali e braghette corte ma congelati con il keyway...
La cosa interessante è che c'era una qualche festa di un qualche santo nel Raval e quindi una via generalmente poco praticabile era invasa da bancarelle di frutta sciroppata e mazzetti di erbe aromatiche fresche, tipo menta e camomilla... Così siamo andati a sbirciare una zona della città normalmente poco sicura, in cui gli unici negozi sono di immigrati, abbiamo passato: una macelleria islamica, un parrucchiere arabo, un tempio Sikh con tanto di cugino di Sandokan con pugnale alla cintura messo all'ingresso, un negozio di sari coloratissimo con l'insegna "moda indiana" e la foto di una coppia uscita da Bolliwood, una pasticceria turca con una vetrina affollata da dolcetti al miele, un paio di bar-ristoranti tremendi che se guardi la gente dentro ti spaventi, e tutte cose così.
Un'esperienza!

3 commenti:

Salvo ha detto...

Sono stato a Barcellona nel giorno di cui parli. Devo rettificarti solo su un punto.
Alloggiavo in un hotel (cat xino) proprio nella strada che tu dici (carred de l'hospital). Sì è vero è una via di immigrati ma assolutamente sicura. Non ho mai visto in cinque giorni, e a tutte le ore, gente pericolosa che si avvicinasse con intenzioni poco chiare. Altrettanto non posso dire sulla Rambla dove invece diverse persone avevano aria sospetta e venivano allontanate solo dal mio continuo guardarle.
In compenso ho visto anche la fine della festa di cui parli, intorno alle 22 in C/de l'hospital (non sò se anche altrove) diversi gruppetti con costumi variopinti andavano in giro tra suoni ritmati di tamburi.
Molto bello.
Ciao!

biba ha detto...

Sono tornata ieri da Barca e mi sono fatta questo weekend lungo...sabato pioveva come non so cosa,domenica e lunedì tutto vuoto...l'ultimo giorno,martedì,è uscito il sole e lì ho capito che la città dove vivi è veramente bellissima!!!mi spiace solo essermene accorta in ritardo...

chicca2007 ha detto...

@biba
Mi spiace che hai avuto poca fortuna... lunedi era festa e quando fanno festa chiude proprio tutto! Comunque se ti consola il tempo non si e' ancora sistemato.
Spero che la prossima volta ti vada meglio!

@Salvo
Il Raval non e' certo il quartiere migliore della citta', lo stanno cercando di recuperare e la parte vicino al Macba e' anche trendy... Ma se scendi verso il mare ti assicuro che anche di giorno fa un po paura...