domenica 23 settembre 2007

Los Castellers de la Merce'

Finalmente abbiamo assisito allo spettacolo dei castelli umani, tipici della Catalunya. Sono impressionanti. Eravamo proprio sotto di loro. Tre squadre si sono date battaglia a suon di costruzioni equilibriste altissime, arrampicate folli ad altezze da capogiro. Maglietta malva: Terrassa. Maglietta rossa: Barcelona. Maglietta verde: Vilafranca. Ognuna ha fatto l'ingresso nella piazza San Jaume in piccola formazione singola di 4 piani. Vedi al lato.








Ho fatto un sacco di foto e sceglierne poche da farvi vedere e' un problema: sono tutte belle. Ogni momento della costruzione e ridiscesa del castello e' intriso di concentrazione e fatica, ma anche di incredibile equilibrio e rischio. Solo guardarli da vicino da' un po' di vertigine... Al pubblico viene chiesto di fare silenzio, in modo che si possano sentire tra loro, e sentire le direzioni di quello che da sotto da' l'ok per l'ergersi dei piani successivi. Quando arrivano a meta' cotruzione entrano in scena le due piu' piccole e inizia la musica. Ma quando arrivano in cima lo scroscio di applausi copre i flauti e poi velocemente si disfa tutto, tra i vari "molt ben!" (=molto bene) urlati tra il pubblico.




Il castello perfetto si erge in poco tempo e le due bimbe (di 4 anni circa, quelle col caschetto) devono salire incrociarsi sulla vetta, la piu' in alto alza il braccio e ridiscendere dal lato opposto, poi seguono gli altri ordinatamente. Il tutto a 6/7 metri di altezza. Quasi tutti i castelli erano di 8 piani... uno adirittura di 9, proprio quello a cui ha partecipato Gabriele facendo da aiuto alla base, con i castellers che gli passavano sulla testa e sorreggendone un paio per la durata del castello (quello delle ultime due foto). Ormai e' un catalano adottato!



Abbiamo anche visto una torre cadere, e le bimbe piu' in alto fare un volo spaventoso e ricadere sui compagni qualche metro piu' in basso. Per fortuna nessuno si e' fatto male, solo un po di spavento, ma ci hanno riprovato e le bimbe (le mie eroine) si sono fatte coraggio e hanno scalato di nuovo la mega torre umana.





3 commenti:

Doris ha detto...

Veramente fantastico...e complimenti a Gabry!

pensierorosa ha detto...

pazzesco!!!

mi sembra di aver visto tempo fa un documentario in cui facevano vedere queste acrobazie!!

Anonimo ha detto...

Hola!

E' stato fichissimo, ero proprio nella 'pinya' la base del castell ed avevo dei castellers sulle spalle. Quello che e' stato pesante non e' stato un piede sulle spalle ma la compressione che avevo davanti e dietro. Sembrava di stare in una scatoletta di sardine. Ero ben dritto con i piedi ben piantati ma era impossibile muoversi, e il castell non si e' mosso di un cm! Ci hanno detto di tenere la testa bassa, appoggiata a quelli davanti a noi. E quando passava qualcuno sopra la nostra testa ci avvisavano. Ovviamente non ho visto niente e dopo che la musica ha annunciato la costruzione della corona del castell e non avendo sentito nessuna caduta era chiaro che il castell era andato bene. Dopo il fragore della folla ma io ero ancora li bloccato! E poi abbiamo fatto tutti festa!!!

@pensierorosa, ho trovato un estratto su youtube di passaggio a nordovest:
http://www.youtube.com/watch?v=MtT6hpfeUQ4
forse e' quello di cui parlavi.

Besos a todos
Gabriele